Index / Progetto / Press / Mappa creativa / Blog / Contatti



Torna indietro
Intervista artista

Arte di strada



Intervista Manuel

Giovane artista del 1993, fondatore dell’associazione Saltinpalco

Contatti

saltinpalco@hotmail.it

FB Saltinpalco

 

Cosa fai e come ti definisci?

Artista di strada con esperienza maturata da 2 anni, sono un autodidatta, ma mi piacerebbe continuare.

 

La tua biografia in breve

La passione è nata per caso, tramite Valentina di Su il sipario, ero venuto al poli per chiedere i suoi contatti e l’ho incontrata, questo proprio 2 anni fa, da lì ho iniziato.

 

Quale messaggio porti?

La felicità, tramite la clown terapia, portare allegria. Prima pensavo di volere fare il comico, poi ho capito che l’artista di strada è un comico ma con delle regole, a volte riesco a portare la felicità, a volte no, gli altri non capiscono, su 20 si c’è sempre un no (esempio della notte bianca a Chiavenna, andava in giro a spazzolare le spalle alla gente, molti ridevano, ma c’era anche qualcuno che si irritava).

 

Cosa è l’arte?

Tutto è arte, dalla vita non c’è niente che non risieda nell’arte.

 

Come e quando hai cominciato a vederti come artista?

Io mi sento artista perché tutto è arte.

 

Come nasce un’idea?

Per caso, a volte penso a qualcosa, fatico a dormire, in questo periodo penso più a queste cose che agli esami.

 

In che circostanze ti vengono le idee migliori?

Credendo nel caso.

 

Qual è la prova del 9?

Lo spettacolo, quando sei davanti alla persone, se fa ridere o no.

 

In quale occasione hai percepito l’arte in modo quasi tangibile?

Se l’arte è vita, l’ho sempre sentita, l’arte c’è!

 

Come promuovi la tua figura artistica?

Volantini, animazione feste, cercando persone da agganciare e cercando feste.

 

Collabori con qualcuno?

Non con tanti, ho fatto delle cose con Su il sipario, la mia è un’associazione culturale.

Secondo te ci sono opportunità per sviluppare l’arte in Valtellina?

Dire che non ci sono opportunità è una scusa, tutto va in base all’impegno che uno ci mette.

 

Ci sono luoghi per fare arte?

Basta la gente che passa per strada...

 

Un’opera d’arte si può valutare?

La differenza sta in quello che dice Kant, fra il “MI PIACE” e quello che è “BELLO”. La valutazione è soggettiva, puoi dare il tuo parere come quando mangi qualcosa, ma devi rispettare l’opinione di tutti.

L’arte è di tutti? È necessaria?

L'arte è di tutti, l'arte è vita, un mondo senza arte non c’è.

Artisti che ammiri?

Benigni, per come mette giù il tema, nelle modalità e nel modo di fare.

Cosa pensi del fatto che nei musei molte opere d’arte siano di artisti non più viventi?

Ci sono opere d’arte che sono piaciute, non è che sono belle, se un artista fa un un’opera bella non è che tutto deve essere bello.